Christian Argurio non è più il direttore sportivo del Catania. L’ormai ex dirigente etneo lascia il suo incarico dopo aver ricevuto un’importante offerta da un club europeo: l’Hajduk Spalato. Il comunicato del Catania, che riporta il commiato di Argurio:

Il Direttore Sportivo Christian Argurio, dal 1° ottobre all’Hajduk Spalato, affida al nostro sito i pensieri rivolti al nostro club ed ai tifosi rossazzurri: “Congedandomi, ringrazio sinceramente il Calcio Catania, in tutte le sue componenti ed aree, per avermi dato l’opportunità di maturare sul piano professionale e soprattutto personale. Ho avuto il privilegio di operare per una società che mi ha sempre garantito fiducia, rispetto e considerazione; il gruppo di lavoro, ad ogni livello, è composto da uomini e donne competenti, che alla professionalità aggiungono tanto cuore e un grande senso d’appartenenza, un tratto che rende l’esperienza rossazzurra diversa da tutte le altre e destinata a rimanere impressa nella memoria. Il patron Pulvirenti e il Direttore Lo Monaco mi hanno incoraggiato e supportato costantemente: quest’ultimo, che in passato ha ricoperto con successo il mio ruolo, ha guidato la mia crescita professionale offrendomi continuamente preziosi insegnamenti e grandi stimoli, anche esortandomi con forza a migliorare e dando l’esempio in termini di quotidiana abnegazione. Grazie anche a tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione, dal Presidente Davide Franco agli altri. Lascio il Catania che in realtà non lascerò mai, sul piano emotivo, e mi auguro che questi calciatori, validi professionisti e bravi ragazzi, guidati da uno staff tecnico diretto da un allenatore esperto e capace, riescano a regalare alla città quella promozione che indubbiamente merita e che noi abbiamo sfiorato ma non afferrato, nelle ultime due stagioni. Ai tifosi del Catania mi rivolgo con sincerità: questo grande insieme rossazzurro vale tanto, in termini calcistici e umani, e merita il vostro fondamentale e impareggiabile sostegno. Siete davvero straordinari e vi abbraccio idealmente perché riconosco in voi passione e valori. Grazie di tutto”.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili