Dopo il risveglio, il Catania cerca lo slancio. Domani c’è il primo scontro diretto della stagione: teatro il Granillo, avversario la Reggina. Il Catania è chiamato a rispondere finalmente presente in trasferta: tre vittorie su tre al Massimino, i rossazzurri hanno perso male a Potenza e a Monopoli, dopo lo scintillante debutto di Avellino. Camplone pretende dal gruppo la stessa mentalità sia in casa che fuori, e Reggio può essere il test ideale per decifrare il reale valore degli etnei.

Non sarà un compito semplice: la squadra di Toscano è l’unica imbattuta del girone e al Granillo non perde dallo scorso aprile. Una grande classica del calcio meridionale, quella tra amaranto e rossazzurri, che storicamente ha spesso sorriso agli etnei: 11 vittorie contro 7. La Reggina ha però vinto gli ultimi due confronti ed il ricordo di quello della scorsa stagione è particolarmente doloroso per gli etnei, che furono bruscamente riportati alla realtà dopo le illusioni generate dai successi su Catanzaro e Juve Stabia.

Stessi punti in classifica, ma stati d’animo differenti: a Reggio c’è entusiasmo per il ritorno degli amaranto ai vertici della classifica dopo annate difficili, a Catania si è in attesa di capire se il netto successo sulla Cavese può avere un seguito. Reggio e poi Terni: il campionato del Catania entra nel vivo.

di Marco Zappalà

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili