Da Cristiano Lucarelli ad Andrea Sottil, dalla parentesi Novellino fino ad arrivare ad Andrea Camplone, in comune la panchina rossazzurra e non solo.

La missione collettiva è stata ed è per l’attuale condottiero, quella chimera chiamata primo posto, un traguardo che in Serie C corrisponde all’uscita da un labirinto.

Di anno in anno, fatta eccezione per i primi due anni di rodaggio e “ricostruzione” come preferiscono denominarla i vertici etnei, l’obiettivo stagionale è stato il seguente: costituire una rosa che vincesse il campionato. Non uno qualsiasi, il girone di Serie C, a detta di esperti e addetti ai lavori, torneo durissimo, dove vince chi si dimostra non solo più costante ma soprattutto più cinico.

Lo sanno bene quelli che da Catania, per tornare a chi la squadra etnea l’ha allenata nell’ultimo triennio, ci è passato condividendo questo funesto target. Se con Lucarelli non bastarono 70 punti, i 65 collezionati dal duo Sottil-Novellino rappresentarono un passo indietro viste anche le scorie di un mancato ripescaggio in cadetteria che, gioco forza, inquinarono l’ambiente.

E quest’anno? A cosa e a chi va attribuita la giustificazione del freno a mano? A tutti e a nessuno, ma se è vero che il Catania ha già maturato 1/3 delle sconfitte di campionato, tutte arrivate lontano dal proprio stadio, è anche risultato del caos (impossibile da nascondere) di alcune scelte societarie. L’allontanamento di alcuni pilastri della rosa, gli infortuni, poi l’addio del direttore sportivo: un tassello dopo l’altro che si è disgregato dal Catania, come un palazzo che perde i pezzi e dunque, non può illudersi di rimanere solido come al momento della sua inaugurazione.

Per chi non avesse colto la metafora, basta ragionare su un aspetto anche numerico. Meno uomini e più disordini interni producono MENO PUNTI. Se a questo aggiungiamo un rapporto tifoseria/dirigenza ai minimi storici è impossibile nascondere il rischio di una nuova débâcle: cercasi serenità, il Catania non naviga in acque tranquille, questa squadra può vincere il campionato?

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili