Battaglia a suon di gol, l’esito non è però quello sperato, arriva in casa il primo stop di questo campionato per la talentuosa e mai doma Berretti di Ezequiel Carboni.

Nel quarto turno del girone F, i rossazzurri, alla vigilia di questo match primi a punteggio pieno, hanno ceduto le armi ai pari età della Cavese. Un match rocambolesco e che si è chiuso con una pioggia di reti.

Sono i campani infatti ad aprire le marcature, mischia in area risolta da Di Giglio che con un potente rasoterra sblocca il risultato. La risposta dei rossazzurri non si fa attendere, nel capovolgimento di fronte sugli sviluppi di un corner, l’incornata di Pino (elemento che ha già conosciuto anche la convocazione in prima squadra) ha rimesso in equilibrio prima del riposo la sfida.

Principali emozioni che si condensano nel secondo tempo: gli etnei infatti, beneficiati di un penalty, riescono a mettere la freccia al nono della ripresa. Distefano non perdona dal dischetto, il suo è il primo centro stagionale con la Berretti, in attesa che venga consacrato il salto in prima squadra.

Lo svantaggio non abbatte la squadra ospite, tutt’altro. La Cavese spinge sull’acceleratore, riprende e addirittura ribalta la partita nel giro di 5 minuti. Una sfortunata carambola in area ristabilisce la parità, mentre alla mezz’ora è Cozzolino, subentrato dalla panchina, a trafiggere Coriolano al termine di una grande azione di ripartenza metelliana.

Una Cavese che ribalta la partita ma deve fare i conti con i terribili ragazzi di Carboni, abili a rimettere tutto in discussione il risultato dopo 120 secondi. Stavolta è una precisa punizione di Giuseppe Giuffrida, talento classe 2002, a beffare il portiere campano per la gioia del pubblico di casa. Ci si avvia ad un pari che non scontenterebbe nessuna delle due compagini quando l’arbitro in pieno recupero assegna un calcio di rigore alla Cavese per tocco di mano di Samuel Puglisi. La trasformazione di Monaco dal dischetto sentenzia un KO che brucia agli uomini di mister Carboni ma dispensa ancora una volta buoni segnali da un gruppo, quello etneo, che con questo spirito andrà sicuramente lontano.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili