Un segnale in campo, uno ben più importante fuori, dove il calcio c’entra poco, anzi per nulla. La vigilia di Potenza-Catania, sfida valida per gli ottavi di Coppa Serie C, aveva assunto contorni assurdi e inverosimili e fino a poche ore prime del match, il rischio che al “Viviani” non si giocasse era davvero elevato.

Il verdetto del campo alla fine c’è stato e ha visto premiare i rossazzurri, che contro gli ostici lucani giocano una partita ineccepibile per impegno e spirito staccando così il pass per i quarti di finale.

Lucarelli ha certamente tanti dei meriti della vittoria del “Viviani”. L’undici rossazzurro di Potenza ha infatti ricordato per aggressività e reattività il Catania di due anni fa, una squadra con gli attributi.

La prova d’orgoglio sarà stata frutto anche di quanto accaduto fuori, ma è stata la condizione mentale prima che fisica ad aver consentito ai rossazzurri di ottenere il passaggio del turno.

Llama in forma eccezionale, Noce finalmente a suo agio e un Kevin Biondi ispiratissimo, hanno forse sfoderato la loro miglior prova stagionale. La rete del vantaggio è comunque appannaggio di Matteo Di Piazza, che si conquista un rigore e lo trasforma a 5 dalla fine della prima frazione, aprendo le marcature come in occasione della sfida playoff dello scorso maggio.

Il Potenza non ha affatto patito la rete dello 0-1 e come lodato a lungo nel corso dell’ultimo anno e mezzo, esce alla distanza con altrettanto carattere. Dote che non manca all’eterno Carlos França, che anche in questa occasione punisce puntualmente gli etnei: stavolta di testa su cross dalla destra.

Il Catania suscettibile di campionato potrebbe risentirne, quello del pomeriggio di Potenza decide invece di contrattaccare immediatamente, così sull’asse Bucolo-Calapai nasce il gol della vittoria: scelta d’inserimento perfetta per Biondi che firma il suo primo gol in maglia rossazzurra: una rete che ha una tripla valenza morale, dato che l’azione è stata sfornata da 3 prodotti del settore giovanile etneo.

Inutile il forcing finale dei locali, ai quarti di finale va il Catania, che espugna Potenza 65 anni dopo l’ultima e unica affermazione. Lucarelli si tiene stretto il suo gruppo, i rossazzurri avanzano nel tabellone e affronteranno al turno successivo il Catanzaro. L’esame Coppa è stato superato.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili