La prima volta non si scorda mai, recita un noto aforisma. Quella di Rieti in campionato, ha sottolineato questo concetto nei confronti di più componenti dell’organico rossazzurro, che festeggiando il ritorno al successo quattro mesi dopo l’ultima e unica volta, ha potuto celebrare un altro traguardo personale.

Con le reti di ieri, Davide Di Molfetta ha finalmente arricchito il suo personale score, entrando a far parte della lunga lista dei marcatori della storia etnea. Due reti, una per tempo, hanno premiato il 23enne esterno ex Piacenza, uno dei migliori innesti estivi della compagine rossazzurra, elemento a cui Lucarelli pare non voler proprio fare a meno.

Giornata delle prime volte dicevamo, concetto che si può riproporre anche ad un altro giocatore offensivo. Lele Catania, grazie alla sua zampata di piatto destro su servizio di Maks Barisic, si è iscritto finalmente sul tabellino dei marcatori, un gol tanto voluto e cercato per il catanese doc classe 1981. “Un sogno”, dichiara Lele, calciatore che è stato tesserato proprio per il suo carattere, la sua grinta e l’attaccamento a questi colori.

Nella giornata delle prime volte è impossibile non menzionare che si tratta della prima vittoria esterna, in campionato, per Cristiano Lucarelli, condottiero di un gruppo che pare abbia trovato una giusta dimensione anche lontano dal Massimino. Il successo di Potenza in Coppa Serie C, nettamente più illustre, aveva già lasciato segnali incoraggianti, la conferma è arrivata comunque in terra laziale.

Con le reti di Catania e Di Molfetta il conteggio dei calciatori in organico andati a segno si aggiorna: sono dodici tra campionato e coppa, uno score che Luicarelli si augura di poter aggiornare presto, un dato che accresce la compattezza e il lavoro del gruppo etneo sotto la leadership del tecnico toscano.

di Marco Zappalà

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili