Chissà se all’inizio di questa stagione, Catania e Rende abbiano preso in considerazione anche lontanamente l’idea di essere rispettivamente settima e ultima nel campionato di Serie C, al netto di prestazioni oggettivamente poco rilevanti in base alle premesse di inizio anno.

Al Massimino però, questo dato non deve passare per la testa dei giocatori, piuttosto quelli che ci sono e interessano gli appassionati a pochi giorni dalla sfida tra etnei e calabresi sono i precedenti, ad onor del vero non moltissimi, che hanno contraddistinto un bilancio nettamente a favore dei rossazzurri, sempre vittoriosi nelle uniche tre occasioni.

Il primo confronto non è per tutti e richiede un lavoro di memoria: nel corso della stagione 1979-1980 di Serie C1 il Catania fu trascinato dalla leggenda Damiano Morra che decise la prima disputa tra le due compagini.

Il Massimino torna protagonista di un Catania-Rende oltre 30 anni dopo, precisamente nell’ultima giornata del campionato 2017/18, quando il Catania certo del secondo posto, travolse i biancorossi con sei reti, aprì le marcature Andrea Mazzarani, poi l’ultima rete in rossazzurro di Andrea Russotto,

nel secondo tempo una doppietta di Fran Brodic e le segnature di Rizzo e Di Grazia siglarono il definitivo 6 a 1.

Ben più sofferto l’ultimo precedente, un successo che portò l’effigie di Matteo Di Piazza, che proprio contro il Rende mise a segno il suo primo dei 15 gol con la maglia dell’Elefante. Domenica alle ore 15 il bomber di Partinico ci sarà, così come figurerà ma in panchina Cristiano Lucarelli, fin qui abbonato ai 3 punti contro i calabresi, una gara che non va sottovalutata, ma affrontata con lo spirito della prima volta.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili