La salvezza come regalo di compleanno. Dev’essere sicuramente questo il desiderio più grande del presidente della Sicula Leonzio Giuseppe Leonardi, che ha da poco festeggiato il traguardo dei 30 anni.

Il club bianconero è reduce da un’altra sconfitta, la 15esima stagionale, e si sta ancora leccando le ferite. Gli uomini di Vito Grieco, da quando l’allenatore pugliese è tornato in panchina, hanno raccolto meno di quanto avrebbero meritato. Il mister nell’ ultimo periodo ha speso parole importanti per i suoi giocatori incitandoli a non mollare fino all’ultima giornata. La salvezza passerà tutta dai prossimi incontri di campionato.

Il presidente Leonardi sul capitolo salvezza è stato chiaro: serve riportare linfa ed entusiasmo nella squadra, coloro che non credono nel progetto sono liberi di andare. Il numero uno bianconero come promesso ha infatti portato qualche regalo dal mercato. A gennaio si sono aggiunti al gruppo alcuni volti nuovi, ma la squadra non è riuscita fin qui a migliorare la sua situazione di classifica.

Ufficializzata la risoluzione contrattuale di Gianluca Esposito nelle ultime 24 ore di mercato si continuerà a lavorare per puntellare la rosa: il nome nuovo è quello di Kingsley Boateng, attaccante classe 1994 di proprietà della Ternana in prestito alla Juve Stabia, molti lo ricorderanno per una sua parentesi al Catania nel 2013, per lui 7 presenze e un assist.

Si tratta anche Calamai, 28 anni centrocampista del Picerno. La dirigenza sta valutando la fattibilità dell’ operazione per poi affondare il colpo e battere la concorrenza del Rende.

Negli ultimi giorni si è parlato anche di Lorenzo Saporetti, difensore centrale che però in questa prima parte di stagione col Catania ha alternato campo e infermeria.

Già, il Catania. La squadra rossazzurra per cui Giuseppe Leonardi non ha mai negato di essere tifoso. Quando l’ anno scorso il suo nome fù accostato al club di via Magenta  il presidente negò un interesse circa il suo acquisto.

Che l’ acquisto di Saporetti possa essere un modo di aiutare la sua squadra del cuore come già accaduto con Lele Catania e Bucolo?

Ovviamente la priorità è salvare la Leonzio, Leonardi lo sa e fino all’ultimo cercherà di rinforzare la sua squadra, che ha bisogno di tutto l’aiuto possibile per raggiungere l’obbiettivo salvezza.

Quella salvezza che i giocatori proveranno a raggiungere disperatamente, per permettere alla Leonzio di confermarsi una delle realtà calcistiche migliori in Sicilia, e realizzare il desiderio di compleanno del suo presidente.

 

Sandro Arena

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili