Ieri il vertice tra il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e il mondo del calcio, ma ancora nessuna novità sostanziale sui temi caldi del momento. Quando ripartiranno i campionati? Quando potranno riprendere ad allenarsi le squadre? Domande che per il momento restano ancora senza risposta.

Ho ascoltato con grande attenzione le diverse posizioni emerse – le parole di Spadafora in una nota pubblicata dopo il vertice –. Nei prossimi giorni, dopo un confronto con il ministro della Salute e il Comitato tecnico scientifico, emaneremo le disposizioni aggiornate in merito alla possibilità e alle modalità per una ripartenza degli allenamenti“.

Secondo quanto filtra dagli ambienti governativi, a partire dal 4 maggio dovrebbe essere permesso alle squadre di riprendere la preparazione, ma osservando alcune prescrizioni di base: allenamento consentito soltanto in forma individuale e rispetto del distanziamento sociale. Per gli allenamenti di squadra veri e propri, completi di lavoro in gruppo e partitelle, potrebbe essere necessario, invece, attendere ancora: qui non c’è una data certa, come nel caso della ripresa effettiva dei campionati.

Insomma, non dovrebbero sorgere problemi in merito ad una ripresa degli allenamenti in forma soft (individuale e con distanziamento sociale) ma non c’è ancora nessuna certezza sui tempi della ripresa degli allenamenti a pieno regime e sulla ripartenza dei campionati. Tutto potrebbe così subire un ulteriore slittamento ulteriore (intorno a metà maggio) di modo da partire con un piano certo e sicuro. Il mondo del calcio attende ancora di conoscere le decisioni del Governo.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili