di ANTONIO RAPISARDA

Detto fatto. Il comitato ha mutato pelle diventando una S.P.A. e compiendo così il primo importante passo per poter mettere in atto quell’offerta ufficiale e vincolante per acquistare il Calcio Catania. “Nei prossimi giorni verranno resi pubblici gli undici imprenditori che compongono la S.I.G.I. ed in seguito gli ulteriori nuovi soggetti che si aggregheranno, osservando l’istituto dell’azionariato diffuso.” –  Intervenuto in esclusiva, nel Live delle 19.30 di Unica Sport, il rappresentante della S.p.A.  Maurizio Pellegrino ha commentato quanto accaduto in data odierna con la costituzione della “Sport Investiment Group Italia S.p.A”.

SULLA S.P.A.:  “É stato molto faticoso e stressante costituire questa S.p.A. Certamente è molto più semplice allenare una squadra di calcio (sorride, ndr). Volevo chiarire un concetto: non stiamo offrendo 55.000 Euro per rilevare il Calcio Catania. Questo è il requisito minimo per istituire una società per azioni. Sicuramente in un secondo tempo aumenteremo il patrimonio sociale a 5 milioni al fine dell’acquisto dell’asset del club di via Magenta. Perché non abbiamo costituito prima la S.p.A.? Anche noi abbiamo commesso degli errori scaturiti da una situazione complicata e dalla poca conoscenza della materia, ma con l’aiuto professionale anche dell’avvocato Augello ci siamo rimessi in carreggiata.”

OFFERTA:  “Non so quantificare le tempistiche, ma in breve tempo cercheremo di formulare una proposta. Capisco che la gente è stanca ed esasperata.Tutti, giustamente, chiedono trasparenza e verità, ma i tempi sono strettissimi e dobbiamo mettere questi imprenditori nelle condizioni migliori per dare un futuro solido al Catania. Siamo qui a lottare con le nostre forze per salvare la matricola, anche perché siamo ormai gli unici a voler comprare il Calcio Catania.”  

I SOCI: “Questi imprenditori lo stanno facendo per passione ed attaccamento.  Sicuramente se non vi fosse un progetto credibile, non ci avrebbero messo questo impegno. Dobbiamo dare un pò di forza a questi imprenditori ed incoraggiarli a comprare. Dobbiamo essere tutti bravi , poiché qua in gioco c’è la tradizione e l’amore verso il Catania e la sua tradizione. Posso dire con certezza che questa è una squadra a trazione anteriore!”

STRUTTURA SOCIETARIA: “Sono stati già identificati e sviluppati tutti gli elementi che dovranno comporre la squadra nel progetto sportivo.Nei prossimi giorni verranno resi pubblici gli 11 imprenditori e in seguito gli ulteriori nuovi soggetti che si aggregheranno osservando l’istituto dell’azionariato diffuso”.

AZIONARIATO DIFFUSO: “É un modello che da ampie garanzie economiche. Dobbiamo guardare al futuro. Questo è il modello che stiamo guardando e portando avanti cosi come ha fatto la società del Lecce. Negli ultimi giorni ho visto tante persone che vogliono aderire e mi ha fatto piacere. Anche il Sindaco Salvo Pogliese ci ha dato un parere positivo. Tutto ciò mi fa ben sperare”.

PROGETTO TECNICO ATTUALE: “Lucarelli ha fatto un grande lavoro, cosi come i giocatori e l’hanno fatto in situazioni veramente difficili. A loro va un plauso. Per quel che concerne il futuro, prima dobbiamo portare al termine questa sfida.”

TEMPI DI RISPOSTA DEL CATANIA: “Per quel che concerne i tempi di risposta dell’offerta da parte del Catania credo che, rispetto alle prime due, i tempi devono essere molto più rapidi. Comprare una società non è facile. É un iter serio é veramente complicato. Io sono andato avanti per la mia strada e so che i dirigenti del Catania (Di Natale e Astorina, ndr) hanno valutato attentamente le due proposte. Dobbiamo rispettare i tempi che la forma ci richiede”.

DIFFICOLTÀ: “Tutto ciò è stato organizzato per guardare al futuro, ma dobbiamo essere cauti. Ribadisco che non è facile. Abbiamo la necessità di impegnarci per tenere acceso questo lumicino di speranza al fine di credere che vada tutto a buon fine.”

IL RUOLO DI PELLEGRINO NEL CATANIA CHE VERRÀ : “Per adesso mi sto concentrando solamente sul portare avanti questo lavoro perché è importante e delicato.”

 

                 

PER VEDERE L’INTERVISTA INTEGRALE clicca qui 

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili