E’ ufficiale: la Sicula Leonzio dovrà disputare i playout. Il Consiglio federale ha deciso che i bianconeri dovranno ri-guadagnarsi la salvezza sul rettangolo di gioco. Una decisione che equivale quasi a una beffa per gli uomini di Vito Grieco, ormai convinti di aver conquistato la permanenza in serie C.

Ma le regole sono cambiate, sicuramente non per fare uno sgarbo ai lentinesi ma per semplici questioni logistiche ed era lampante che le decisioni della Figc avrebbero scontentato qualcuno. Ormai il dado è tratto e i ragazzi del tecnico pugliese scenderanno in campo nella gara d’andata dei playout  il prossimo 27 giugno,  in casa del Bisceglie, e 3 giorni dopo al Sicula trasporti stadium.

E’ chiaro che in questo caso l’aspetto psicologico conta parecchio. I loro avvesari, così come il Rende che sfiderà il Picerno nell’altro scontro salvezza, hanno ricevuto ciò che speravano: una seconda chance, e sicuramente giocheranno col coltello tra i denti. I bianconeri dovranno dimostrare sul campo che meritano questa categoria, che non temono niente e nessuno e soprattutto che la grande cavalcata compiuta verso la salvezza non è stata frutto di nient’altro se non del grande spirito di rivalsa che  hanno dimostrato.

La Sicula aveva lottato con le unghie e con i denti per raggiungere il suo obbiettivo, ci era riuscita compiendo un mezzo miracolo ma non è servito, il destino aveva riservato a Vito Grieco e i suoi un ulteriore sfida. Ora l’unica cosa che conta è lasciarsi alle spalle gli avvenimenti delle ultime due settimane e tornare ad allenarsi con lo stesso spirito di abnegazione dimostrato fino a prima dello stop.  La squadra si radunerà giorno 10 giugno per preparare la partita d’andata dei playout. Poco più di due settimane la Leonzio scenderà in campo per le due partite più importanti della stagione, un doppio confronto dal quale sapremo se i bianconeri dovranno tornare tra i dilettanti o saranno riusciti a conquistarsi di nuovo la salvezza.

 

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili