Rabbia, sconforto, tristezza. È un risveglio amaro per tutti i tifosi rossazzurri il giorno dopo  l’eliminazione dai play off per mano della Ternana. Senso di smarrimento puro, per una squadra che ha dimostrato di aver dato  tutto e che ancora una volta esce senza perdere da questi  spareggi che appaiono ancora una volta stregati. Il Catania ci ha provato: è sceso in campo per vincere e al netto delle occasioni la vittoria l’avrebbe pure meritata. L’avrebbe meritata Lucarelli, per il suo spirito guerriero, l’avrebbe meritato la squadra per l’impegno dimostrato nonostante le tante difficoltà, ma soprattutto lo avrebbero meritato i tifosi del Catania, cha da troppo tempo ormai soffrono una condizione così lontana dai fasti del passato. Non è stato così, e quindi ancora lacrime, ancora una caduta. Il sogno rossazzurro si infrange sui legni del Liberati e il risultato è uno solo: si torna a casa. Adesso il prossimo futuro si chiama cessione. Un passaggio di consegne che la piazza si augura possa riservare finalmente gioie. Ma guardando indietro, Catania non potrà e non dovrà mai dimenticare questa squadra, composta da uomini veri, che mai si sono arresi. A prescindere da tutto e al contrario delle passate stagioni, più che un fallimento questa verrà ricordata come un’impresa sfiorata.

 

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili