Nel corso della diretta delle ore 19.30 di Unica Sport, l’avvocato Giuseppe Augello, legale della Sigi, società per azioni che si è fatta avanti per l’acquisizione del Catania, ha parlato in esclusiva ai nostri microfoni.
Ecco le sue dichiarazioni:

“Proprio in questo momento sto lavorando per preparare l’offerta al fine di rilevare il 4,6% appartenente a Meridi. Quest’ultima è la cifra esattamente corrispondente al valore delle azioni , quindi quarantasei mila euro ed è totalmente un’altra situazione rispetto alla procedura competitiva. Il bando, infatti, prevede la vendita del 95,4% appartenente a Finaria.
Gli stipendi arretrati dovrà pagarli la nuova proprietà del Catania calcio perché senza quelli non ci si potrà iscrivere al prossimo campionato. Se dovesse essere Sigi , allora Sigi dovrà farsi carico del pagamento degli emolumenti. Purtroppo la frittata è già fatta perché il mancato pagamento degli stipendi entro il 15 Luglio spettante all’attuale proprietà porterà a delle penalizzazioni.

Inoltre bisognerà chiedere necessariamente una proroga per il concordato preventivo in modo da dare alla nuova governance modo di poter affrontare tutti i debiti esistenti.

Non so se ci saranno altri competitor ma la sensazione è che non ci sia stata la folla per l’accesso alla data room.

Ci tengo a sottolineare che anche nella fase pre concordataria il lavoro dei commissari è stato straordinario. Possiamo dire che il Tribunale ha salvato il Catania, la Sigi così potrà  presentare  l’offerta quindi dovrebbe essere scongiurato qualsiasi tipo di problema. La procedura ha cambiato volto, ha cambiato soggetti e ha cambiato modalità. È cambiata la forma ma non la sostanza. 

Lunedì verseremo la caparra del 5%, mentre invece martedì presenteremo l’offerta cartacea.

Per il futuro le prime mosse saranno molto importanti. Dopo il fallimento di Finaria, ho chiesto in una nota che  si metta in sicurezza la governance Calcio Catania, anche con un amministratore di fiducia nominato dal Tribunale , in modo tale che traghetti fino alla consegna alla nuova proprietà e presenti un’istanza di proroga del concordato.

È possibile che settimana prossima avremo incontri per l’ingresso di un nuovo socio, si tratta della Grimaldi Lines. A proposito delle dichiarazioni di Ferraù, posso garantirvi che ha influito la stanchezza. La domanda forse era stata posta in maniera un po’ provocatoria. Chiariamolo, il lavoro di Sigi è finalizzato a completa tutela e salvezza della matricola 11700 e questo faremo.”

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili