Potrebbe essere un fine agosto caldo. Anzi bollente. Joe Tacopina tra qualche giorno tornerà ai  piedi dell’Etna. Questa volta si tratterrà a Catania per una settimana: dal 27 Agosto al 2 Settembre e con lui ci sarà uno dei suoi soci, un ex banchiere della Goldman Sachs e attuale proprietario dell’albergo londinese “Curtain”. 


 Ad un mese dall’acquisizione del club di Via Magenta da parte del gruppo Sigi, l’avvocato italoamericano sembra intenzionato ad affondare il colpo per provare ad entrare in società. L’ormai ex presidente del Venezia aveva già manifestato tutto il suo interesse per la realtà rossazzurra con dichiarazioni al miele già nelle scorse settimane.

Restano da capire però la strategia, le risorse e i benefit che Tacopina potrebbe portare all’interno della società etnea ma soprattutto la disponibilità da parte della nuova proprietà del Catania riguardo l’ingresso di un profilo di rilievo così importante all’interno dell’organigramma. Nel frattempo, attraverso un comunicato stampa la Sigi ha assolutamente smentito l’esistenza di riunioni aventi ad argomento l’ingresso di Joe Tacopina nella compagine societaria. Lo riportiamo integralmente:

“Sigi Spa, proprietaria del 95,4% delle quote azionarie del Calcio Catania Spa, apprende, attraverso alcuni organi di stampa, della nuova visita a Catania dell’imprenditore italo-americano Joe Tacopina. Sigi, tuttavia, smentisce l’esistenza di riunioni aventi ad argomento l’ingresso di Joe Tacopina nella compagine societaria, mentre conferma il perdurante impegno per il consolidamento dello staff tecnico e societario”.

A prescindere da questi rumors, l’unica certezza è rappresentata dalla Sigi che silenziosamente sta lavorando per allestire una squadra competitiva. Dopo aver salvato la matricola 11700 ed aver iscritto la squadra al campionato di Lega Pro, adesso la nuova proprietà lavora ininterrottamente a Torre del Grifo per presentarsi ai nastri di partenza da outsider del girone.

 

 

 

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili