di Claudio Pisi

Il mercato in entrata del Catania è entrato nel vivo.
Dopo aver acquistato in meno in 24 ore gli svincolati Andrea Zanchi e Alessandro Albertini, completando così il gioco le coppie (Pinto-Zanchi e Calapai-Albertini) per le corsie esterne, adesso la dirigenza rossazzurra si appresta a chiudere il terzo colpo in entrata:
si tratta della seconda punta classe ’93 Alessandro Gatto in arrivo dal Bisceglie e già presente nel pomeriggio a Torre del Grifo.

Ma non è finita qui, perché il Catania è vicino a portare ai piedi dell’Etna Riccardo Martignago, oggi al Teramo e accostato ai rossazzurri nel mercato di gennaio.
Vista l’importanza economica dell’operazione, non è da escludere che il Catania possa inserire una contropartita tecnica.

I contatti tra le due società sono ben avviati, a mister Raffaele piace e il giocatore ha manifestato il suo gradimento per la piazza etnea, anche per riscattare l’ultima stagione non molto esaltante in Abruzzo.

Riguardo all’indiscrezione di un possibile inserimento del Catania nella trattativa tra Catanzaro e Palermo per Mamadou Kanoute, l’agente dell’esterno offensivo della squadra calabrese, Claudio Tonioli, ha commentato così la notizia: “Smentisco categoricamente. Nessuno del Catania mi ha mai contattato per Mamadou“.

Oggi si è parlato anche di un possibile scambio Curiale-Tulli. Secondo quanto raccolto dalla nostra redazione, la percentuale di fattibilità di tale operazione di mercato non è molto alta, ma non è da escludere un interessamento del Catania per l’esterno offensivo ex Trapani, la cui permanenza al Catanzaro sembra non essere scontata.
Per Michele Vano (Carpi) non ci sono particolari discorsi aperti tra il club rossazzurro e quello carpigiano.

Dopo Mbende, il Catania ha ceduto a titolo definitivo Lorenzo Saporetti all’Aurora Pro Patria. Il classe ’96 ha firmato un contratto annuale con opzione di rinnovo per il secondo.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili