Era stato annunciato, interpretato probabilmente come una provocazione, ma adesso arriva l’ufficialità. L’Associazione Italiana Calciatori indice lo sciopero: il 26 e 27 settembre la serie C non scenderà in campo. Un braccio di ferro vero e proprio che dopo mesi e mesi di calcio non giocato rischia seriamente di far slittare l’avvio del campionato.

Questo il comunicato ufficiale dell’AIC e le motivazioni della scelta presa:

“L’Associazione Italiana Calciatori, preso atto dell’impossibilità di raggiungere un’intesa con la Lega Pro sul regolamento del minutaggio dei giovani e l’abolizione delle liste dei giocatori utilizzabili nel Campionato di Serie C, conferma che i calciatori non scenderanno in campo nella prima giornata di campionato fissata per sabato 26 e domenica 27 settembre prossimi. L’azione di protesta nasce dall’inspiegabile passo indietro della Lega Pro, rispetto al regolamento in vigore nella precedente stagione sportiva, relativo alla reintroduzione di limitazioni, sostanzialmente obbligatorie, dell’utilizzo di un numero massimo di calciatori professionisti”

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili