Mancano solo dodici ore al “gong” finale, alla fatidica e rinomata chiusura delle porte del calciomercato all’Hotel Sheraton San Siro a Milano.

Il Catania ha finora totalizzato dodici acquisti e dieci cessioni (contando anche le risoluzioni di Barisic e Mujkic ed il prestito di Pino alla Lazio, ndr), l’ultima delle quali quella di Alessio Curcio al neo promosso Foggia a cui il fantasista campano si legherà con un biennale.

Se da una parte i numeri dicono che la dirigenza etnea ha rivoluzionato una squadra, dall’altra è possibile osservare come abbia condotto un mercato intelligente, mirato a regalare a mister Raffaele giocatori versatili e adatti per il 3-5-2 declinato in tutte le sue forme.

Come anticipatovi durante la nostra diretta dal “Veneziani” di Monopoli, il portiere Jacopo Furlan, oggetto troppo spesso di critiche gratuite, oggi svolgerà le visite mediche con l’Empoli. Andrà a fare il titolare in Serie B e riuscirà anche ad avvicinarsi a casa.
Sempre in Toscana, al Livorno, dovrebbe essere ceduto Andrea Mazzarani, a cui era stato comunicato fin da subito di non far parte del Catania del futuro. L’acquisto del giocatore romano è stato solo ritardato di qualche giorno dalle beghe societarie amaranto.

Gli etnei voglio fare gli ultimi colpi di mercato e cercano un difensore e una punta. Riflessioni in corso sul centrocampo: la grana Maldonado impensierisce il Catania e la posizione di Vicente oggi è meno in bilico rispetto ai giorni passati, dati gli apprezzamenti di Raffaele in conferenza stampa e la smentita della trattativa con il Perugia. Ma attenzione a una possibile sorpresa dell’ultimo minuto.

Per il reparto difensivo il Catania vorrebbe puntare su un profilo under, ma ha mostrato un certo interesse per Danilo Quaranta, classe ’97 l’anno scorso in prestito al Catanzaro e oggi in uscita dall’Ascoli. Si tratta di un difensore abile in marcatura e nei colpi di testa.

Per l’attacco si guarda sempre in casa bianconera: Lorenzo Rosseti e Giacomo Beretta (svincolatosi da qualche giorno dai marchigiani, ndr) sono i nomi più caldi. Entrambi hanno giocato poco la scorsa stagione a causa di infortuni, ma oggi sono pienamente recuperati.

Claudio Pisi

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili