Nella vittoria del Catania sul campo della Virtus Francavilla in molti hanno evidenziato le prestazioni di Miguel Martinez tra i pali, decisivo in un paio di circostanza, e la freddezza di Manuel Sarao bravo e preciso nel trasformare il rigore concesso. Va dato merito, però, anche ad un calciatore che sta diventando sempre più importante nello scacchiere tattico di mister Raffaele, ovvero Kevin Biondi.

Il numero 21 rossazzurro sta dimostrando ancora una volta di essere un jolly decisivo per far mutare faccia alla propria squadra e la sua poliedricità consente al proprio allenatore di cambiare modulo anche a partita in corso. È ciò che è successo proprio a Francavilla quando Raffaele, resosi conto che nei primi 15 minuti la propria squadra stava soffrendo l’arrembaggio dei padroni di casa, ha spostato Biondi dalla zona di destra, posizione che stava occupando come esterno del tridente d’attacco, alla zona di sinistra per occupare la posizione di quarto di centrocampo nel nuovo Catania ridisegnato da Raffaele.

Il cambio di ruolo a Biondi, infatti, ha concesso a Raffaele di trasformare Il Catania da un più offensivo 3-4-3 ad un più attento 4-4-2 con la conseguenza che nei successivi 30 minuti del primo tempo i rossazzurri sono riusciti pian piano a riguadagnare terreno e presentarsi con più pericolosità nell’area di rigore avversaria, fino all’azione di Albertini che ha subito il fallo dal quale è nato il rigore trasformato da Sarao.

Insomma, come detto dallo stesso Raffaele nella conferenza stampa di venerdì scorso, Biondi è cresciuto calcisticamente proprio con Raffaele quando l’attuale tecnico rossazzurro era l’allenatore di Kevin all’Igea Virtus e pertanto il mister etneo conosce a fondo le potenzialità del giovane jolly catanese. Un giocatore che dopo la splendida stagione dello scorso anno, quando esplose letteralmente sotto la gestione Lucarelli, può confermare quanto di buono è stato detto su di lui e contribuire in maniera evidente alla crescita e alle ambizioni del Catania targato Raffaele.

Massimiliano Giliberto

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili