di FRANCESCO DI PALMA

INVOLUZIONE

Un passo indietro. Dopo le convincenti prestazioni contro Avellino e Bisceglie, il Catania non va oltre un noioso 1-1 contro la Cavese, fanalino di coda della girone. Una involuzione sotto molti punti di vista. Quella vista all’Angelino Nobile, infatti, è stata una delle peggiori prestazioni degli etnei. Ai rossazzurri è mancata un’idea di gioco, anche per le tante assenze a centrocampo, che ha impedito alla squadra di Raffaele di costruire azioni pericolose.  Notevoli passi indietro anche sull’aspetto caratteriale. Il Catania non è mai riuscito a reagire alla vivacità della squadra avversaria, concedendo ai campani molti spazi.

SENZA IDEE

 Fatale la squalifica di Maldonado: i rossazzurri hanno pagato la mancanza di un regista in mezzo al campo che dettasse i tempi di gioco. Nana Welbeck non è riuscito a supplire all’assenza del calciatore ecuadoriano, complice anche la precaria condizione fisica e mentale del giocatore. Biondi e Piovanello hanno provato ad adattarsi nel ruolo di mezzala, ma non sempre sono riusciti ad immedesimarsi in un ruolo non nelle loro corde.

ISTERIA 

Un Catania stanco, deconcentrato e nervoso. I tanti passaggi elementari sbagliati, hanno  permesso alla Cavese di ripartire e trovare il pareggio, grazie all’ex rossazzurro Andrea Russotto. Contributo nullo dalla panchina: Malissimo Emmausso,il numero 28 ha offerto  una prestazione totalmente deludente, piena di giocate leziose che non hanno in alcun modo giovato alla squadra. I rossazzurri perdono poi le staffe nel finale: Welbeck si fa espellere per doppia ammonizione, mentre Tonucci commette un’ingenuità rifilando una gomitata a un avversario, lasciando la squadra in nove.

PERPLESSITA’

 La doppia inferiorità numerica nel finale di partita non lascia scampo al Catania, che deve accontentarsi di un pareggio contro l’ultima in classifica. Adesso le difficoltà aumentano, soprattutto in vista della trasferta di Viterbo. Tra infortuni,squalifiche e mancanza di gioco, in che modo scenderà in campo il Catania nel prossimo match?

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili