A Catania inizia la Taco-mania. L’avvento del broker statunitense risveglia la passione di un’intera città. La squadra sembra essere rinata. I rossazzurri, grintosi e tenaci, spediscono i satanelli all’inferno, tracciando l’inizio di una nuova era.

TACO-EUFORIA
Passione ed euforia. L’avvento di Tacopina ha certamente fatto scattare qualcosa nella testa di giocatori, staff e ambiente intero. La squadra ha mostrato una forza ed una cattiveria mai ammirata fino a questo momento. Ogni calciatore sceso in campo quest’oggi, ha combattuto su ogni singolo pallone, non lasciando mai respirare gli avversari. In panchina Raffaele è incontenibile: si sgola, si sbraccia, e incita i suoi fino al fischio finale. Un Catania deciso e determinato, che già comincia ad assomigliare al suo prossimo presidente.

PICCOLO FA GRANDE IL CATANIA
La Taco-mania esalta la passione rossazzurra,ma non muta le certezze: Antonio Piccolo resta il trascinatore del Catania. L’uomo in più, il calciatore in grado di dare fantasia ed imprevedibilità alla squadra di Raffaele. Il Catania di Tacopina , con il suo “Piccolo” campione, può davvero pensare in grande.

IL GRANDE ASSENTE
L’arrivo di Tacopina, la crescita della squadra e la vittoria ritrovata, sono tutti elementi che dipingono uno splendido scenario. Un quadro a tinte rosso e azzurre, al quale però manca la sua cornice. L’unico vero grande rammarico resta l’assenza del pubblico, vero motore di questo sport, che oggi con il suo calore e la sua spinta avrebbe regalato una giornata indimenticabile per Catania intera. L’entusiasmo in città è incontenibile, Tacopina lo sa e attende con ansia la sua gente.

IL CATANIA CHE VERRÀ
La vittoria di oggi segna la fine di un percorso e l’inizio di un nuovo ciclo. Si chiude il il girone d’andata del Catania, i rossazzuri possono già proiettarsi al girone di ritorno con nuove ambizioni e nuovi obiettivi. Comincia il ciclo di Joe Tacopina, I tifosi  sognano l’inizio di una nuova era, vincente e  ricca di soddisfazioni, nella quale si possano finalmente dimenticare conti ed extra campo, pensando solamente al calcio giocato. 

Di Francesco Di Palma

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili