Ko tecnico al Libero Liberati. Si ferma dopo quattro risultati utili consecutivi la striscia positiva del Catania in campionato. La Ternana infligge una “manita” ai rossazzurri, un 5 a 1 che vale le quinta sconfitta stagionale.

SUPERIORITA’
Evidente la superiorità tecnica della squadra di mister Lucarelli, imbattuta in campionato e capolista del girone. Per gli etnei il match si mette subito in salita con il siluro di Mammarella dopo appena due minuti. Una differenza netta che fa perdere stimoli e determinazione alla squadra di mister Raffaele, che nonostante i cambi di modulo e le numerose sostituzioni non riesce a gestire la partita. 

DEA BENDATA
Alla confusione si aggiunge anche la sfortuna. A complicare ulteriormente il destino dei rossazzurri soprattutto nel primo tempo, è stata la Dea Bendata. La deviazione fortunosa di Giosa in occasione del secondo gol e lo svarione che è valso il 3 a 1 di Paghera, hanno tagliato le gambe agli etnei. 

VERSO LA SERIE B
La Ternana ha regalato agli spettatori uno show da Serie B. Capolista sulla carta e anche sul campo, il gioco veloce e concreto delle fere si è manifestato in tutta la sua ferocia. Rossoverdi che non lasciano speranza ad un Catania che nonostante il  suo continuare a crederci è uscita largamente sconfitta dal campo Umbro.

COSÌ NON VA
La sconfitta in Umbria lascia l’amaro in bocca, non per il risultato quanto per il passivo. Il Catania deve tornare a casa con delle consapevolezze maggiori e con la testa giusta per affrontare domenica, una squadra forte e che lotta per il suo stesso obiettivo. 

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili