Catania a due tempi. I rossazzurri riscattano, in parte, la disfatta del Liberati. Gli etnei dopo un pessimo primo tempo, riescono ad acciuffare il pareggio, rischiando addirittura di portare a casa i tre punti.

MEZZO SERVIZIO

Il Catania regala il primo tempo. Questa non è una novità, ma una costante negativa che affligge i rossazzurri da inizio stagione. Anche oggi gli etnei appaiono assenti per tutta la prima frazione di gioco. Il Bari da squadra esperta e capace ne ha approfittato, non rischiando nulla e colpendo al momento opportuno.

METAMORFOSI

Cambio di passo nel secondo tempo. Gli etnei si trasformano e cominciano a giocare da squadra. Azzeccate tutte le sostituzioni: Sarao entra e segna, l’ingresso di Golfo e Manneh fornisce maggiore imprevedibilità alla manovra rossazzurra. Con il risultato odierno il Catania ha conquistato ben 9 punti nelle ultime 6 partite, solamente nei secondi tempi. Un dato emblematico, che esalta la grande forza di volontà degli uomini di Raffaele.

OCCASIONE SPRECATA

I rossazzurri escono dal Massimino con l’amaro in bocca. Dopo il netto K.O. di Terni serviva una vittoria. Il pareggio sta stretto agli Etnei, che hanno dimostrato di potersela giocare anche con una big del campionato. Il rammarico, oltre al rigore fallito sul finale, resta quello di aver regalato 45 minuti agli avversari. Un errore da non ripetere se si vuole realmente crescere e puntare in alto.

PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ



PUBBLICITÀ

Articoli simili